venerdì 3 luglio 2009

Un'altra idea di città
Finalmente è arrivato. Lo attendevamo l'annuncio della scure sull'estatefestival arzignanese. A dire il vero c'è sempre qualcuno che parla per il sindaco anche se non è il sindaco, o forse in realtà lo è. Comunque si taglia, cosa non si capisce, ma importante è tagliare. Troppe serate in piazza, troppo rumore. Ma una conferenza o un film di montagna non hanno mai disturbato nessuno e poi artisti locali (?), e Arzignano torni ad essere il paesotto che era. E la piazza sarà finalmente dei cittadini stranieri, che si godono la frescura e la voglia di stare insieme. Gli italiani a casa, per loro c'è la tv.

15 commenti:

  1. Beh, che dire? E' arrivata la compagnia del sorriso e, per far divertire gli arzignanesi, taglia uno dei più ricchi e apprezzati festival estivi del Veneto. E la scusa? Far lavorare solo artisti locali. Come se l'arte fosse un prodotto da "filiera breve"; come se la musica o la letteratura non fossero tanto più "alte" e apprezzabili quanto più sanno uscire dai semplici confini di paese e parlare di sé al mondo. D'altra parte, quale può essere l'orizzonte culturale di chi realizza manifesti post-elettorali con un madornale errore di sintassi? Arzignano, sorridi!

    RispondiElimina
  2. Eh sì, sono riusciti a spegnere il sorriso ad Arzignano

    RispondiElimina
  3. Paese che vai "IGNORANTI " che trovi!
    Sembra che le madri di quest'ultimi siano state particolarmente prolifiche, almeno da noi.

    RispondiElimina
  4. Scusate ma non si potrebbe avere maggiori informazioni/esempi su cosa c'era e cosa è stato tolto o almeno un riferimento alla notizia/comunicazione/altro che chiarisca cosa è cambiato?
    Saluti
    Marco (SE&O)

    RispondiElimina
  5. Per Marco: Devi essere un pò orbo o non leggi il giornale, e forse è meglio che vai a vederti un prossimo consiglio comunale... sembra di essere al bar!
    daniele

    RispondiElimina
  6. Per curiosità: a che errore di sintassi è riferito il primo commento?

    RispondiElimina
  7. ma cosa hanno tolto?

    RispondiElimina
  8. Tagliare ? Ma se hanno predicato ai
    quattro venti (nulla di scritto però, chissà perchè...) che se avessero vinto, dalla regione e dalla provincia sarebbero giunti per Arzignano una quantità di contributi mai vista prima.
    Il Carlo

    RispondiElimina
  9. Ecco l'articolo riportato sul sito del Giornale di Vicenza:

    http://www.ilgiornaledivicenza.it/dossiers/Comunità/74/196/66841/

    RispondiElimina
  10. Ma chi ha comprato casa in piazza lo sapeva di essere appunto in piazza o no? Pensava di essere a Durlo?? Piazza: luogo di mercato, di fiere, di feste per la cittadinanza, luogo di tutti, chi ci abita va rispettato, ma non può chiedere al restante 99.5% della popolazione arzignanese di non usare il proprio centro cittadino, o di usarlo silenziosamente. Che ignoranza. Vania Montagna

    RispondiElimina
  11. Oggi su il Giornale di VIcenza, il neo assessore Pieropan, in risposta a De Santis, ha comunicato che i tagli saranno per le manifestazioni del 2010. Non so se è un'omissione di Pellizzari o una rettifica in extremis: staremo a vedere.
    Io vorrei sapere il perchè della scelta, avrei capito una proposta con un programma alternativo e poi si poteva decidere cosa condividere, ma così: sembra un proclama, per cercare di dimostrare, a tutti i costi, errori della passata amministrazione.
    Più che la scure, che alla fine è stata solo minacciata, sono preoccupato per le iniziative ed i progetti che potrebbero partorire questi signori.

    RispondiElimina
  12. A COSA SERVE ARZIGNANO ESTATE FESTIVAL:

    Qualcuno di voi Esperti conosce Nonantola?
    Per gli appassionati di Musica, Nonantola NON è solo un comune di 15000 persone in provincia di Modena..ma è anche una città che ospita(durante tutto l'anno), artisti internazionali che vengono a suonare appositamente in questa città.A volte le persone si fermano anche a visitare la città, per vedere cosa ha da offrire...e questo sì che fa girare l'economia.Mi spiego: la gente si ferma a dormire negli alberghi, si ferma nei negozi...etc..
    Io penso che ArzignanoEstateFestival sia stata concepita con il medesimo intento: non una semplice manifestazione per far divertire i cittadini, ma un vero e proprio momento per sentirsi cittadini, orgogliosi e fieri di una città che è moderna, aperta ai giovani e alle manifestazioni socio-culturali. Qualcuno ha ben pensato di far credere alla gente, che queste manifestazioni costino un mucchio di soldi. Allora sono due le questioni: o cè qualcuno che mente(il famoso 1,.% di spesa del comune x AEF) o forse mente qualcun altro quando parla di spese esorbitanti.
    Prendiamo per esempio EspressioneGiovani: sicuramente una "creatura" costosa...perchè ha un palco enorme, un service eccezionale, un premio in denaro consistente etc etc etc. Eppure forse uno dei MIGLIORI CONTEST A LIVELLO NAZIONALE.(questo è un dato di fatto)

    Allora io ribalto la famosa tesi "spreco di soldi". Dal mio punto di vista quello in cui ha peccato la vecchia amministrazione, è di non essersi accorta che ArzignanoEstatefestival è una manifestazione che necessità di più visibilità e pubblicità. Andrebbe potenziata tutta la macchina organizzativa...investiti più soldi. Per non parlare degli incontri con gli scrittori, lo spazio per il reading poetico, gli spettacoli per i bambini..questioni su cui non mi voglio soffermare.

    PS. I tre giorni di EspressioneGiovani sono stati un successo...specialmente per quanto riguarda il livello Musicale e Culturale. Si è spaziato dal pop, al funky, all'acustico, al rock, al metal, alla musica d'autore. Tanti i giovani presenti..anche se i "soliti noti". Si perchè "gli altri giovani"...quelli del "riprendiamoci la piazza...e blablabla" sono quelli che vanno a Jesolo nel weekend. Io faccio la fatica di comprendere la loro cultura quando vado in discoteca...ma forse anche loro dovrebbero tentare di capire la nostra...

    Peace

    RispondiElimina
  13. Per Daniele: un po cecato sono ... ma credo che in questo caso la mia ignoranza sia dovuta al fatto che non leggo i giornali e non alla vista.

    Qualcuno è stato cosi gentile da mettere il link alla notizia ... Grazie! Ora leggo.

    Saluti
    Marco (SE&O)

    RispondiElimina
  14. Ma queste decisioni le prende il sindaco insieme allo staff scelto? Quindi sono decisioni di A.Pellizzari giusto? Cioe', e' lui il sindaco di Arzignano vero?

    RispondiElimina
  15. Finalmente dopo aver tolto la sbarra che concedeva i parcheggi privilegiati all'ex sindaco e alla sua giunta un'altra importante presa di posizione da parte della nuova amministrazione: il ridimensionamento dell'estate festival arzignanese.
    Parte l'operazione sorriso, via i noiosi e costosi ospiti quali Paolini,Lerner,Rossi,Cornacchione e spazio ad artisti locali e a po' di sana cultura padana.
    Suggerirei al neo sindaco, sempre nel rispetto del budget economico, di invitare l'ispiratore Tosi,il poeta Bondi, il moderato Borghezio o il sempre civilissimo Giancarlo Gentilini(quello della tolleranza doppio 0 e del vadano a pisciare nelle moschee).Farcirei il tutto da qualche velina che non guasta mai(sempre che non sia arrechi troppo disturbo ai cittadini che guardano la Tv).
    Ha ragione Fracasso gli italiani a casa davanti alla televisione che alla nostra cultura ci pensa Studio Aperto e il Tg4 e la sciamo pure le piazze agli stranieri così finalmente le future ronde padane potranno sbizzarrirsi e salvare le nostre figlie.

    Credevo che investire in cultura fosse un segno di civiltà e di garanzia x il futuro! Mi sbagliavo.

    RispondiElimina