sabato 9 maggio 2009

Antonio Pellizzari, i Solisti Veneti e la campagna elettorale....
Entrano come una squadra di calcio, ma non c'è erba e neppure il pallone, c'è un concerto dei Solisti Veneti in ricordo di Antonio Pellizzari. Musiche di Vivaldi. Si guardano intorno un pò spaesati e poi si accomodano e ascoltano. Al termine se la prendono con il Comitato Pellizzari, con chi da tre anni raccoglie, lavorando sodo, testimonianze, foto, documenti sulla famiglia di Giacomo e Antonio. "Non è il cinquantesimo" dicono, "son passati 51 anni, questa è una manifestazione elettorale!". Mi pareva che non fossero molto interessati a Vivaldi, agli adagio così struggenti dei suoi concerti. Però, in questi tre anni dedicati ai Pellizzari, non li avevo mai visti. Non a Castello nella rievocazione delle scuole, non al teatro a ricordare più volte Giacomo e le officine, e neppure alla fontana dei Marinai in memoria dei Quattro Martiri. Però della data dell'anniversario erano sicuri!

19 commenti:

  1. E'la campagna elettorale, bellezza!

    RispondiElimina
  2. Dispiace molto.. tuttavia mi sento di dire che è stata la loro scenata campagna elettorale!!! Finora non hanno fatto altro che infangare e criticare il tuo operato ed ieri si sono riproposti ovviamente! Se questa è politica si salvi chi può!!

    RispondiElimina
  3. Beh, hanno dimostrato che chi ha in mente solo la campagna elettorale sono proprio loro. Hanno chiesto il bis, alla fine?
    p.

    RispondiElimina
  4. Ma almanco gai sonà ben?

    RispondiElimina
  5. Sarebbe veramente un peccato che Arzignano finisse in mano a questi figuri; dobbiamo farcela, dobbiamo "continuare a sorridere" altro che tornare a sorridere.

    RispondiElimina
  6. Se si ha una "minuscola" visione d'insieme e si conoscono gli eventi per sentito dire senza avere idea alcuna, non resta che "spulciare" i lavori altrui. Naturalmente chi non ha niente da dire può solo scorgere i difetti di chi si esprime ed ecco che la pagliuzza nell'occhio dell'avversario appare come una trave enorme.
    Purtroppo sono molti gli "ottenebrati" che non conoscono il pudore e il buon senso.
    Dany

    RispondiElimina
  7. Io rido, tu ridi, egli ride, noi ridiamo: e siamo gli elettori;
    voi ridate, essi ridanno (speriamo): e siete voi o essi che verrete eletti.
    E ci sarà da sorridere ancora?
    Ciao. Antonio

    RispondiElimina
  8. Certo che è stato molto sconveniente che anche Karibuni abbia festeggiato il decimo compleanno in questo maggio pre elettorale.
    Una pubblicità gratuita che Fracasso e Peretti non si meritavano!
    Ciao dal Leghista duro e puro

    RispondiElimina
  9. Ah, ah, che bel sorriso!

    RispondiElimina
  10. L'approvazione chi la dà? Stefano De Marzi?

    RispondiElimina
  11. Mi sembra tanto 'na stronzata!

    RispondiElimina
  12. Sulla bellezza non si discute, è sotto gli occhi di tutti, la nostra Arzignano è decisamente più bella e fruibile... la loro mi sembra vera e propria invidia, non sarebbero stati capaci di fare quello che ha fatto questa amministrazione per non parlare delle decisioni che non sono visibili a tutti. Come cittadina sono orgogliosa di vivere ad Arzignano e spero che il futuro sia la continuità lungo questa "bellissima" linea!
    Noi abbiamo un bel sindaco... loro no!
    E poi quel "riportiamo il sorriso " con un candidato che non ride mai!

    RispondiElimina
  13. che tristezza quelli che si firmano "leghista duro e puro" hanno la sindrome da Rocco Siffredi?

    RispondiElimina
  14. Hanno suonato benissimo. Un Vivaldi per la maggior parte poco conosciuto, in particolare il concerto per mandolino e liuto. L'adagio di quest'ultimo si è aperto con una variazione del liuto da far invidia ai chitarristi acustici contemporanei. Gran concerto e profonde emozioni.

    RispondiElimina
  15. La serata è stata favolosa...e piena di sensazioni!!!...peccato per l'unica nota stonata..l'intervento fuori luogo da parte di chi non conosce e non rispetta la storia di Arzignano..e la totale mancanza di rispetto per quanti si prodigano per ri-dare lustro (che merita) alla nostra amata Cittadina...!!

    RispondiElimina
  16. ma al Karibuni se non sbaglio c'erano anche Gentilin e addirittura Massimo Signorin, il leghista che Li vuole mandare a casa tutti!

    RispondiElimina
  17. ahi, ahi! sindromacato di Rocco: ti manca proprio il senso dell'umorismo. Mi sa tanto che ti meriti il pneumologo, che come salva la vita a tanta gente, faccia tornare un po' di vivacità e magari il sorriso anche a te.

    RispondiElimina
  18. più che un pneumologo ormai è un dentista... speriamo non sia come Scapagnini... Catania docet

    RispondiElimina