martedì 26 maggio 2009

Una donna vicesindaco, la prima dal dopoguerra
Sarà Lorella Peretti la mia prima collaboratrice nei prossimi cinque anni. A lei ho chiesto di assumere il ruolo di vicesindaco in caso di elezione. Lorella ha fatto, e anche in questi giorni sta facendo, l'assessore ai servizi sociali e al mondo giovanile, con quell'invenzione creativa che le viene chiesta dalla irripetibilità della persona. Si è tenuta lontana dai pregiudizi e dagli schemi, sapendo ascoltare ed agire, sempre con gli altri e per gli altri. Lorella vuol bene ad Arzignano, anche se in fondo al cuore tiene la sua Tezze, e sarà la prima donna vicesindaco di Arzignano. Almeno dal dopoguerra, o forse dall'Unità d'Italia?

23 commenti:

  1. "(...) con quell'invenzione creativa che gli viene chiesta dalla irripetibilità della persona". Sono lietissimo di non risiedere più ad Arzignano, e non di dover votare in questa occasione (ché avrei seri problemi a scegliere). Quindi non parteggio per alcuno. Ma per la lingua italiana, sì: "LE viene richiesta".

    RispondiElimina
  2. bravo Stefano, l'assessore Peretti è una donna squisita e capace, so che farà il suo dovere con dedizione e senza risparmiarsi come ha sempre fatto! Stamattina ho letto l'accusa rivoltavi da Pellizzari per l'incontro saltato di stasera, certo che ha una faccia tosta incredibile. Ha girato la frittata a suo favore, quando già si sapeva che il Doctor non voleva partecipare al primo incontro se le domande non erano preparate, adesso sembra lui quello che vuole le domande a sorpresa! Certo che ce ne vuole di coraggio! Mi fa pena il povero Pellizzari che ha dovuto ingoiare il rospo per non essere lui il candidato e si ritrova a fare il portaborse e portavoce di un ometto che sarà bravo a fare il dottore...e basta. Rosanna

    RispondiElimina
  3. Ringrazio per la segnalazione, come vede ho corretto. Io sono lietissimo di essere arzignanese, ma i gusti son gusti....

    RispondiElimina
  4. Quanta bella gente che non ha nulla da fare il martedì mattina....
    come questo "Andrea"..lietissimo di non risiedere ad Arzignano, ma che alle 7.43 trova il tempo di visitare il blog...

    :) sei forte!

    RispondiElimina
  5. Non ho capito cosa è successo...sono andato sul blog del corriere vicentino, ma si parla solo di "problemi tecnici" ... l'unica cosa certa è che ci rimettono i cittadini i quali necessitano di informazioni e non "problemi tecnici"

    RispondiElimina
  6. il primo intervento sembra quello di "chiedimi se sono felice" con aldo, giovanni e giacomo. troppo forte, proprio da accademia della crusca!

    RispondiElimina
  7. sono vermente contenta per Lorella perchè in questi anni ha dimostrato una disponibilità davvero unica.
    Paola

    RispondiElimina
  8. Enrico Zampiva26 maggio 2009 14:22

    I più sinceri e veri complimenti alla Lorella! Merita tutto il rispetto e l'importanza che gli stai dando!! Mi unisco a Rosanna con un bel: "Bravo Stefano"

    RispondiElimina
  9. Il fatto di lavorare tutto il giorno non esime dall'informarsi e, se del caso di visitare un blog alle 07.43.
    "Questo Andrea", peraltro, è sempre più indicativo di un "questo Anonimo". Isn't it?

    RispondiElimina
  10. Una donna come vicesindaco ad Arzignano è senza ombra di dubbio un ottimo incentivo per tutte le donne a spingersi oltre e a vivere come cittadine attive anche all'interno dell'amministrazione comunale...L'assessore Lorella Peretti tra l'altro (da come ho potuto vedere) ha lavorato sempre con grande passione e grande impegno nel sociale e per i giovani....
    elena dalci

    RispondiElimina
  11. Il contatto con il mondo giovanile, vasto ed eterogeneo, nel quale anch'io faccio ancora parte, bisogna sicuramente di una figura che sia camaleontica e in grado di intuire prima ancora di ascoltare. Doti che sono innate da una parte, acquisite con dedizione attraverso l'esperienza dall'altra e che, sicuramente, accumunano la Giunta che ha amministrato fino ad ora. Arzignano è un palcoscenico non sempre calcabile, soprattutto quando i puntini vengono messi sulla lingua italiana e non sui gesti, i fatti e i risultati ottenuti. Io vivo di pane e non di parole e la scelta di Stefano è il materializzarsi di un piccolo sogno che si chiama meritocrazia. Speriamo sia anche un invito a tutte le donne arzignanesi a mettersi in gioco per il proprio paese.

    RispondiElimina
  12. Gentile Serena, rimango dell'opinione che - specie in una dichiarazione pubblica - la forma sia importante al pari della sostanza, e che la lingua italiana sia un patrimonio da preservare quanto l'ambiente. Con ciò non ho inteso dare lezioni, non avendone titolo, nè ironizzare, nè tanto meno trarre conclusioni politiche. Mi sembra che, con grande correttezza, Stefano l'abbia compreso, dimostrando in questo frangente maggiore sobrietà di alcuni suoi estimatori più realisti del Re.

    RispondiElimina
  13. Sono d'accordo con Serena: questa è la meritocrazia. In questi 5 anni ha lavorato moltissimo con risultati tangibili.
    Edoardo Modini

    RispondiElimina
  14. conosco bene stefano e sono sicuro che tutti questi battibecchi non lo feriscono, ma sono convinto che forse gradirebbe di più se invece di perderci in chiacchere che per altro fanno solo il gioco (scorretto) degli avversari,scrivessimo quello che ci sembra giusto o no del suo programma che è la cosa che più gli stà a cuore. Parliamo quindi della nostra città e del suo futuro prossimo! Auguri Stefano! Antonio

    RispondiElimina
  15. Cari amici,

    spero si trovi una soluzione definitiva per le centinaia di auto ogni giorno lasciate allegramente in sosta vietata sul marciapiede di corso Matteotti e su quello di Corso Mazzini. Ma i pedoni e le mamme con i passeggini devono continuare a spostarsi in mezzo alla strada per lasciar posto ai gipponi? Magari col motore acceso (altrimenti non si inquina) e le luci d'emergenza (feriti a bordo?)?
    Un abbraccio.
    Daniele

    RispondiElimina
  16. L'annuncio di Lorella Peretti, come vicesindaco, va al di là della meritocrazia: è un incarico in linea con l'importanza del programma di Stefano.
    Per poter sviluppare un programma così dettagliato e a 360 gradi serve una squadra di persone capaci e concrete e Lorella rappresenta la base ed il punto di partenza del team.
    Complimenti Stefano

    Alessandro Biasin

    RispondiElimina
  17. Questo fatto della Vicesindaca è un rimprovero ai tuoi predecessori? Oppure è un'amara constatazione che finora le donne di Arzignano non sono state all'altezza neppure di sostituire un sindaco? Per quanto stracco (e finora qualcuno l'abbiamo avuto)esso sia stato?
    Questa è certo una domanda grave ed imbarazzante .
    Ma noi rispondiamo subito con grande franchezza: la Vicesindaca firmerà solo le pratiche d'Uffico. Ciao da Pippo.

    RispondiElimina
  18. La domanda non è grave e neppure imbarazzante, semplicemente è piena di dietrologie! Ho indicato chi sarà la mia prima collaboratrice, tutto il resto sta nella tua fantasia...

    RispondiElimina
  19. Ah, ah, che ridere!
    Ma quale domande dietrologiche. Era solo una 'innocente' provocazione per darti l'occasione di dire con fermezza che: è giunto il momento che anche ad Arzignano venga rinforzato e riconosciuto il ruolo delle donne, e specie quelle brave come Lorella.
    Anzi io spero, e spero anche che non dispiaccia a nessuno, che nel prossimo turno Lorella sia la candidata sindaco.
    Auspico anche per Arzignano il turno di una donna sindaco, come hanno già fatto da tempo i cittadini di Altissimo, Chiampo, San Pietro Mussolino.
    Bravo. Ciao da Pippo.

    RispondiElimina
  20. la peretti vice-sindaco...........

    forse magari perchè a tezze siete sotto di oltre il 10%......
    forse...........
    ma, chi lo sa............
    sicuramente perchè se lo merita.

    un saluto al povero cassan.

    RispondiElimina
  21. pensavo che anche Gentilin annunciasse qualche suo prossimo collaboratore. E se avesse un "povero Cassan" potrebbe farlo, ma tutto tace...chissà perchè

    RispondiElimina
  22. Visto che il Vice di Nieddu potrebbe essere Fracasso,
    invito a considerare l'idea che il vice-sindaco di Gentilin possa essere Paolo Cassan.

    e così, dopo anni, i colori tornerebbero al loro posto.

    RispondiElimina
  23. Auguri!Spero che lei possa essere un futuro deputato PD veneto!
    Proposte concrete e...piedi per terra...

    RispondiElimina